Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Spettacolo/Evento Navigation

“Weekend con il nonno”

Ciro (Ciro Giustiniani) riceve una telefonata. Suo nonno è morto. Lui ci era affezionato, e si reca subito a onorare la salma. Lì ci trova Marco, che non vede da anni, con la moglie Chiara. Ciro non sapeva che Marco fosse sposato, ma il cugino gli confessa che è stata un’occasione. Chiara è bella, ma non ci sta tanto con la testa, quindi lui si trova sposato con un pezzo di gnocca, che percepisce una ricca pensione di invalidità.

Da subito, è evidente che il cugino vuole occuparsi da solo della veglia funebre, e finanze del funerale.  Ciro si oppone, e anche se in condizioni economiche precarie, perché senza lavoro, e fresco di divorzio, vuole contribuire al funerale. Marco, allora, è costretto a scoprire le sue carte. Si trova lì perché l’appartamento del nonno è di edilizia popolare, perciò, se si riesce a dimostrare che qualche familiare viveva con lui prima della sua morte, la casa passerebbe a lui di diritto. Il piano è quello di congelare il nonno, e dichiararne la morte solo dopo aver dimostrato di essere suoi conviventi.

Ciro è disgustato dal piano di Marco, ma questi lo fa riflettere sulla sua precarietà, e sul fatto che avere almeno una casa in cui vivere non è cosa da poco. Così Ciro accetta di prestarsi al piano. Ovviamente Marco non vuole dividere la casa, ed è subito chiaro che Ciro non può uscire neanche per un’ora, altrimenti il cugino non lo farebbe più entrare, usufruendo da solo della successione. Il problema è che mentre Marco ha la moglie che può presidiare la casa mentre lui va a fare la spesa, e la pensione che gli permette di non lavorare, Ciro è costretto a patire la fame perché il cugino non lo fa mangiare. Ciro deve riuscire a resistere per non perdere la casa, soprattutto perché anche Luca, un altro cugino avvocato, è entrato nell’affare promettendo la sua consulenza legale, per accelerare il tutto.

Dettagli

Inizio:
13 aprile alle 21:00
Fine:
15 aprile alle 18:00
Di:
Ciro Giustiniani e Francesco Velonà
Regia:
Ernesto Lama