SCUOLA DI RECITAZIONE
A cura del Direttore Artistico BIAGIO IZZO

Corsi di recitazione
 per bambini, ragazzi ed adulti

“La scuola di recitazione del Cilea… anche questa è una bella idea!”

Sono aperte le iscrizioni all’anno 2016/2017

La scuola di recitazione del Teatro Cilea riparte con grandissime novità. La scuola, voluta dal direttore artistico Biagio Izzo, intende formare attori con un’elevata preparazione professionale e fornire loro gli strumenti necessari per intraprendere la carriera artistica. Sull’onda del successo dell’anno appena trascorso, la scuola arrichisce la sua proposta formativa ed annuncia l’apertura delle iscrizioni all’anno accademico 2016/2017. I corsi saranno organizzati in base all’età degli alunni: un corso sarà dedicato ai più piccoli, dai 7 ai 13 anni, e un altro agli alunni dai 14 anni in poi.

Tutti gli studenti avranno la possibilità di apprendere l’arte della recitazione con diversi professionisti del settore che si distinguono per competenza, dedizione e passione, oltreché per la strettissima connessione con lo speci co mondo professionale di riferimento. Durante l’anno gli studenti incontreranno e si confronteranno con il direttore artistico Biagio Izzo e con gli artisti protagonisti della nuova stagione teatrale. Tutti gli studenti, inoltre, potranno assistere agli spettacoli in abbonamento nei giorni e secondo le modalità stabilite dal teatro.

SIAMO UNA GRANDE FAMIGLIA!

Lavorare in armonia e creare una familiarità tra allievo e insegnante è fondamentale per raggiungere in breve tempo grandi risultati. Questo approccio è indispensabile per una completa formazione dell’attore non solo sotto l’aspetto professionale ma anche sotto il pro lo umano.

Teatro Cilea Scuola di Recitazione

Le iscrizioni sono aperte dal 1 settembre!

Le persone interessate possono recarsi presso la segreteria della scuola di recitazione dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alla 20:00 oppure inviare un email all’indirizzo accademia@teatrocilea.it.

tel. 0817141508 – 0817141801

Figlio dell’attore Carlo e nipote dell’attore Nino, Corrado Taranto, seguendo le orme di famiglia, intraprende l’attività di attore teatrale fin da bambino.

Negli anni ottanta, Corrado Taranto forma un sodalizio artistico con l’inseparabile collega Mimmo Sepe che insieme intrattengono in pubblico in vari spettacoli teatrali e televisivi, usando spesso il dialogo giocato sui loro caratteri, le culture e le figure fisiche; in quello stesso periodo inizia a lavorare anche per il cinema e la televisione, interpretando ruoli pressoché da comprimario.

Nel 2008 esordisce alla regia cinematografica con il film Ferragosto a pezzi e con il meno conosciuto Sottosopra, di cui è anche soggettista e sceneggiatore;

Dagli anni duemila si dedica saltuariamente all’insegnamento della recitazione al teatro Trianon di Napoli.

Corrado TARANTO

Corrado Taranto6

Bruno TRAMICE

bruno-tramice-3

Si diploma nel 1998 presso l’Accademia Nazionale D’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” e precedentemente nel 1995 presso l’Accademia d’Arte Drammatica del Teatro Bellini di Napoli diretta da Tato Russo. Finita l’Accademia di Roma lavora con la compagnia di Maddalena Fallucchi “Il Carro dell’Orsa” dove recita in ruoli da protagonista.

Successivamente lavora per la compagnia “L’Albero Teatro Canzone” di Adriana Martino e Benedetto Ghiglia, recita in “LA FAMIGLIA DELL’ANTIQUARIO” di C. Goldoni con Nello Mascia e Anna Teresa Rossini, in “WIT” di Margaret Edson (Premio Pulitzer 1999) con Ludovica Modugno e come protagonista in “LETTERATURA” di A. Schnitzler. Inoltre ha lavorato in “Gl’innamorati” di C. Goldoni per la regia di Giampiero Cicciò con Maurizio Marchetti, “INFERNO 97” per la regia di Lorenzo Salveti con Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Elisabetta Pozzi, “SAN LORENZO DI FRAZZANÒ” regia Melo Freni, “Gli anni del Giubileo” regia di Guido Mazzella con Mariano Rigillo e Mario Maranzana.

Particolare attenzione ha rivolto ad autori contemporanei lavorando in “LE CIMICI E IL PIRATA” di Amara Lakhous e “PERVERSIONI SESSUALI A CHICAGO” di David Mamet per la regia di Guido  D’Avino, in “FORBICI FOLLIA” di Paul Portner regia di Gianni Williams, in “QUATTRO” (Premio Ustica 2005) di Mario Gelardi e Peppe Miale Di Mauro, regia di Paolo Zuccari, in “L’ALTRO MAGNIFICO JERRY” con Massimo De Matteo regia di Peppe Miale, in “TI RACCONTO IL 10 MAGGIO” di M. De Giovanni, regia Massimo De Matteo, in “La insolita lezione del professore O.T.” di Massimo Maraviglia e “MORTAL KABARET” di Roberto Russo con Riccardo Polizzy Carbonelli, regia di Fabrizio Bancale,  in “LUCE NERA” di P. Hamilton, regia Mirko Di Martino. Attualmente è in scena con “#LAVOROVER40” tratto dalla “La domanda d’impiego” di M. Vinaver di cui ha curato anche la regia e “ARANCIA MECCANICA” prodotto da Teatro Bellini di Napoli per la regia di Gabriele G. Russo.

Nel 2001 prende parte al progetto “l’Accademia nelle Scuole” diretto da Salvatore Cardone e dirige un Laboratorio presso l’Istituto E. Fermi di Roma. In seguito a questa esperienza lavora e dirige corsi di teatro presso varie scuole di Napoli e Roma e per la Società Mto2 di Roma.

Lavora in televisione in diverse fiction e soap opera tra cui “Vivere” nel ruolo di Fiorenzo Sanni, “Un posto al sole” nel ruolo di Catello Pifano, “La Famiglia Gionni” regia Maurizio Simonetti, una Sitcom in onda su Deakids con Tosca D’Aquino, Max Pisu e Neri Marcoré in cui ha interpretato 15 personaggi diversi, uno in ogni puntata. “Distretto di Polizia” nel ruolo di Arnaldo Mameli e “Ris” nel ruolo di Manuel Panetta.